Nella media valle del Sangro, alle falde del Monte Lupara (1100 mt s.l.m.), sopra uno sperone di roccia, sorge Roio del Sangro, ridente paese dell'Abruzzo, in provincia di Chieti. Questa fortunata posizione fa di Roio un balcone dal quale si può ammirare uno splendido panorama che va dal Massiccio della Majella fino al mare. Nonostante la sua altitudine (840 mt. s.l.m.) gode di un clima temperato. La costa adriatica dista solo 60 km. e con meno di un'ora si raggiunge la più vicina spiaggia.

Sei qui: Home

Notizie da Roio

Letto 31999 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Raccolta di notizie provenienti da Roio.


24 commenti

24 commenti

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Lunedì, 05 Novembre 2012 23:49

    E' compito della scienza, della ricerca e dello studio intraprendere e ripartire da dove gli altri si sono fermati. Il fatto che Monteferrante " ha affrontato qualche anno prima di Roio il discorso degli usi civici e si trova ad un livello più avanti del nostro" potrebbe e dovrebbe essere un punto avanzato nel ragionamento in corso. Non capisco perché dobbiamo far passare il tempo per guadagnare la conoscenza che ha il nostro confinante; è molto più semplice appropriarsene. Quindi, poiché "la materia è ostica" è meglio non rifarsi alle fattispecie ma proseguire per un proprio percorso? Forse è pretendere troppo che i due o più tecnici dei due Comuni si incontrino e parlino, si spieghino e trovino una comune linea d'azione? Se ciò non avviene sono autorizzato a pensare ciò che più mi sembra plausibile. Turcano."Non ha dimenticato l'Amministrazione il Turcano...ne monitoreremo lo stato, è programmato,si porrà argine a tutto ciò che non è a norma se ne troveremo"??? Se ne troverete?!?! Ma caro Nino, dillo prima che stai scherzando. Se ne troverete? Cioè ci vorresti dire che non sai come è la situazione dell'inquinamento del Turcano? E' lo stesso atteggiamento negazionista che hai verso il bracconaggio: non esiste; delinquenti che praticano con arroganza il bracconaggio e umiliano lo sport nobile della caccia? Non esistono. Certo che le persone di Roio temono le ritorsioni. Hanno i loro vecchi in paese; loro vivono lontani. Fanno finta, i vecchi e loro, che a Roio non esistono problemi perché non possono impegnarsi in una lotta a distanza con ostaggi anziani in paese. Nemmeno ciò esiste, è solo frutto di fantasie. Sono solo "cavolate". E sì, hai ragione, sono solo cavolate come l'oltraggio delle pale, il tentativo di metterne altre, il bracconaggio, l'inquinamento del Turcano, spese inutili per una piazza inutile (anzi utile!!! utilissima!!!), e chissà quante altre cose e fatti ognuno, per paura di RITORSIONI, tiene per sé. Tutte cavolate. A forza di ripeterlo alla fine tutto ciò che si ordina di considerare cavolata, sarà considerata cavolata. Caro Rocco, di tutto questo ti ritengo diretto responsabile e non ho letto parole ''aspetti sostanziali'' che possono soddisfare le esigenze del tuo Amico Mimmo.
    Hai preferito andreottinare al posto di fare una lista di "rivolta" contro le cose suddette e di cui per anni ne ho parlato con te. Fare io la lista? Oggettivamente non ne sono capace e non ho "addentellati" in paese per ipotizzare da solo una lista. Stai sempre a cianciare di stronzate politiche; questa volta potevi fare una cosa seria e tutti ti saremmo stati vicini. Hai continuato a cazzeggiare. Potevamo fare di Roio un paese sereno e felice, affrancato dalla arroganza e violenza dei delinquenti bracconieri, delle pale, degli inquinamenti e di tante, tante altre evidenze negative che hanno fatto di Roio un paese abbandonato. Con buona pace di pochi.

  • rocco

    inviato da rocco

    Lunedì, 05 Novembre 2012 22:11

    Sig. SINDACO....caro nino
    con piacere leggo quanto da te ''in modo notarile illustrato'''
    è chiaro che formalità ci sono e vanno rispettate.
    ho colto nelle tue parole ''aspetti sostanziali'' che possono soddisfare le esigenze del Mio Amico Mimmo......e fra poco anche le mie.....se la rinuncia ci evita grane......ben venga
    un caro saluto roco

  • Nino

    inviato da Nino

    Lunedì, 05 Novembre 2012 20:00

    E' vero....il fine settimana è stato splendido, da anni non lo si ricordava così il ponte dei morti...Il suggello di tanta bellezza è stato il pomeriggio del 2 novembre in cui Don Settimio, ottimo cultore di musica buona, ha ritenuto opportuno far svolgere nella Chiesa di Santa Maria Maggiore un concerto di musica per organo e flauto di qualità eccezionale e la partecipazione è stata rilevante da parte degli appassionati...
    Don Settimio, in queste occasioni, ha sempre un buon aiuto da parte dell'Amministrazione che non lesina mai un fattivo patrocinio e bei programmi si faranno per il prosieguo!!
    Ho passato quasi tutto il mio tempo a Roio a soddisfare, sia nella sede comunale che on the road, le curiosità e perplessità circa i famigerati usi civici e in questa sede voglio rimediare ad alcune inesattezze che sicuramente derivano da una non perfetta conoscenza dell'argomento.
    Questo iter intrapreso non è iniziativa del Comune sia ben inteso, ma leggi statali e poi regionali (3/98 e 68/99) hanno imposto al Comune stesso la verifica e l'imposizione del canoni di particelle legittimate e quindi solo da sgravare dell'uso civico.
    Una particella legittimata cioè è proprietà del privato interessato dalle famigerate lettere ma ha ancora su di sè un gravame antico che, una volta affrancato si estingue e la proprietà si allarga, cioè diviene totale.
    E' antipatico certo per chi volesse disfarsi di qualcosa di cui non sà nemmeno la dislocazione, cioè rinunciando a favore del demanio, dover sostenere spese notarili, ma si tratterebbe di una donazione di una proprietà a favore di un ente e quindi l'atto probatorio è notarile, lo stabilisce la legge.
    Quello che il Comune di Monteferrante, con il quale Roio è in ottimi rapporti di collaborazione in vista dell'Unione dei Comuni che a fine anno vedrà un sodalizio di Enti tale da raggiungere i 1000 abitanti e che convenzioneranno la quasi totalità dei servizi, sta proponendo deriva da una situazione diversa dalla nostra.
    Non è questione di imbecillità di tecnici o addetti e tanto meno da confusioni mentali delle Amministrazioni, Monteferrante ha affrontato qualche anno prima di Roio il discorso degli usi civici e si trova ad un livello più avanti del nostro.
    Lì stanno esaminando ormai i terreni da leggittimare e quindi proprietà da perfezionare in maniera diversa; in questo caso allora, chi vuole rinunciare a favore del Demanio non ha necessità di atto notarile perchè rifiuta qualcosa di cui non è segnatamente proprietario e non dona quindi, ma restituisce qualcosa che non è effettivamente suo!!!
    Insomma, la materia è ostica, ma le norme esistono e siamo costretti a farle rispettare, nostro malgrado,(IMU docet)...
    L'Amministrazione si è battuta da maggio a questa parte affinchè si rendesse più sano e presentabile non solo l'aspetto del paese, ma anche l'igiene pubblica: orti e locali discariche a cielo aperto e ricettacoli di erbacce, ruderi fatiscenti pericolosi per l'incolumità di molti, controllo della potabilità delle acque delle sorgenti ripetuti più volte, pervietà delle condotte, delle fogne e dei depuratori...
    Non ha dimenticato l'Amministrazione il Turcano...ne monitoreremo lo stato, è programmato,si porrà argine a tutto ciò che non è a norma se ne troveremo e soprattutto voglio assicurare a chi leggerà il post che non è aria di timori di ritorsioni di sorta, ma che cavolate...Ogni lamentela e ogni proposta è sempre bene accetta!!!!
    Sicuramente vi ho annoiati....Nino

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Domenica, 04 Novembre 2012 20:50

    Vorrei aggiungere che dei paesani all'estero o di cui non si conosce l'esatto indirizzo, i nominativi interessati sono esposti all'albo comunale. Chiunque di voi non ha ricevuto la famosa busta gialla, non si culli sugli allori, ma faccia chiedere da qualche parente o amico, se il proprio nominativo è segnalato sull'albo. Tale avviso è valido a tutti gli effetti, anche di legge.

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Domenica, 04 Novembre 2012 20:43

    Eccomi qui, cari amici. Sono tornato da qualche giorno da Roio e, come promesso, ve ne do conto. IL giorno 2 il clima era buono e la temperatura gradevole. C'è stata la S. Messa nella chiesa del cimitero, a suffragio di tutti defunti. La predica di don Settimio è stata profonda e densa di meditazioni sulla vita e sulla morte e sulla loro indissolubilità; insomma siamo andati via a visitare i nostri morti con un po' più di serenità e, che ci crediate o no, il cimitero era bello, pieno di fiori e di parenti in visita giunti da tanti posti lontani. Tramite il prete l'amministrazione comunale ci ha fatto sapere di non buttare i monconi di lumini ed i fiori secchi oltre il muro del cimitero, ma di utilizzare per i primi i contenitori e per i secondi, se possibile, tentare di piantarli. E' una richiesta civile a cui tutti ci siamo, immediatamente, adeguati. Perché inquinare il nostro fiumiciattolo, il Turcano? Con le piogge tutta quell'immondizia defluisce a valle e sversa nel Turcano, inquinandolo. Mi sfugge qualcosa uìin merito all'inquinamento del Turcano, ma sono certo che dove non arrivo io ci arriverete per conto vostro. Come si suol dire: si parla alla nuora perché la suocera intenda!!! Per chi ha avuto la sventura di ricevere una lettera dal Comune con oggetto:avviso deposito atti di verifica demaniale, ha i suoi guai che è inutile di tentare di condividere perché ci si scontro con una ottusa burocrazia. Infatti se il terreno demaniale che qualche secolo fa è stato concesso ai nostri antenati per mutuo soccorso da parte del Comune, adesso (stanno raschiando il fondo del barile) bisogna o acquistarlo o cederlo al vecchio proprietario (il Comune) oppure pagare un affitto annuo. Se lo si acquista, l'atto si fa al Comune con il Segretario Comunale e si pagano solo alcuni diritti ed il controvalore del bene (onestamente molto basso); se non si risponde entro la data stabilita il Comune l'intende come conservazione di un affitto e annualmente si pagherà una somma anch'essa bassissima. Se invece si rinuncia a favore del Comune, l'atto va fatto da un notaio con i relativi costi che non sono per niente bassi. Al Comune di Monteferrante, dove non credo che ci siano dei tecnici imbecilli, la donazione al Comune avviene con semplice atto del Segretario Comunale. Potete immaginare in che confusione vivono le nostre amministrazioni... Ah, ho ricordato cos'è che inquina VERAMENTE il Turcano, ma voglio stimolare il vostro ricordo e, se volete, potete scriverlo su questo sito. Non credo che avete paura di ritorsioni o altro. Su, coraggio, tirate fuori il rospo e non pensate che le cose cambieranno perché altri faranno qualcosa per voi. Ciao a tutti. Mimmo

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Mercoledì, 24 Ottobre 2012 19:06

    Capisco che non può trovare alcuno interesse nel lettore questa comunicazione ma, dovendo io andare a Roio sabato p.v., sarà mia premura informarvi sulle vicende (tutte buone!!!!) del paese. Se, nel frattempo, avete qualche quesito "paesano" da sottopormi, vi risponderò o vi comunicherò le risposte/notizie alle vostre domande.
    Un'ultima cosa: ho riletto il mio ultimo scritto e ritengo di essere stato troppo "aggressivo" con Rocco che considero, che ci crediate o no, un fratello ed a cui sono legato da amicizia ed affetto. Caro Rocco, se ho ecceduto, ti chiedo scusa ma conosci bene il proverbio: si parla alla nuora perché la suocera intenda!!!
    Un caro saluto a tutti.
    Mimmo

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Domenica, 21 Ottobre 2012 22:12

    errata corrige al quartultimo rigo.
    Qualcuno ha detto: IL MORALISMO SENZA AZIONE HA UN NOME SOLO: IPOCRISIA. Caro Roc........

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Domenica, 21 Ottobre 2012 22:07

    Caro Rocco, sono commosso dalla tua riflessione sui tedeschi a Roio e sul dovere di ognuno di noi di fare argine per difendere l'Europa, una sicurezza assoluta da ogni conflitto.
    Penso che saprai anche di un paio di roiesi che tradirono gli alleati anglo-americani ed avvisarono i tedeschi del loro arrivo. E stiamo parlando di persone che hanno continuato, impunite, a vivere in mezzo a noi, inquinando le giovani generazioni: infatti ebbero un premio dai tedeschi e, da allora, tutto si fa per i soldi, per il premio. I nostri politici nazionali ci hanno ingannato ed hanno mandato i nostri militari a fare la guerra (Afganistan Irak, Balcani, ecc.) e non in missione di pace come ci avevano assicurato. Questi delinquenti hanno portato lutti e dolori nelle famiglie italiane e straniere, in dispregio del dettato costituzionale che impedisce azioni di guerra, se non in caso di difesa. E mentre i nostri sodati morivano INUTILMENTE, i porci ingrassavano, rubando, sfruttando, corrompendo. Caro Rocco, è giusto vigilare per l'Europa, ma come possiamo farlo se non siamo capaci di vigilare nella nostra violentata Italia, nella nostra regione, provincia e città? Questa nazione è guidata da una banda di cleptomani, vera e propria cleptocrazia, che ci ruba tutto, anche la libertà, l'aria, il paesaggio, i diritti, l'acqua. La tua esortazione, caro amico Rocco, è fine a se stessa. Qualcuno ha detto . Caro Rocco, abbiamo tutti avuto una opportunità per fare qualcosa per Roio: l'abbiamo lasciata andare a se stessa !!! E cosa pensi di fare per l'Europa, per l'Abruzzo, per Roio? Quando avrai deciso qualcosa, fammelo sapere. Ciao

  • rocco

    inviato da rocco

    Sabato, 20 Ottobre 2012 16:49

    in questi giorni , nel 1943, a roio arrivarono i tedeschi.
    difendiamo l'europa bene comune
    solo argine al ripetersi di tragedie come quelle vissute dai nostri genitori

    http://www.youtube.com/watch?v=OeY_C1OuJso

  • Mimmo

    inviato da Mimmo

    Lunedì, 08 Ottobre 2012 19:15

    Amici cari, chiedo scusa ma ieri ho omesso una informazione.
    Alle 11,30 di domenica u.s. c'è stata una S. Messa a suffragio del caro e prematuramente scomparso Tonino, figlio di Romolo.
    Tanti paesani hanno assistito e partecipato alla cerimonia religiosa. E' stata una brava ed onesta persona e dispiace che sia morto. Questa è la vita e non possiamo farci niente. Vi lascio con un pensiero di Madre Teresa: ripartiamo dal dolore per rifondare la speranza.

Lascia un commento

Assicurarsi che i campi con l'asterisco(*)siano riempiti.
E' consentito l'uso di HTML.

I Templari

E' uscito alle stampe il saggio sui Templari del nostro compaesano Prof. Alessio Coletta. Dopo un accenno sulla storia di questi

Per saperne di più...

Vasca di S. Filippo

La ricerca e la pulizia della vasca durante una ricognizione avvenuta nell'agosto 2006.

 

Per saperne di più...

Veduta aerea su Roio

Riprese aeree effettuate in data 26/05/2009 su Roio del Sangro, Chieti, Italia.

 

Guarda il video...