IndecenzaFiscale

Ci piace riproporre in questa pagina un articolo di Massimo Gramellini apparso di recente sul Corriere della Sera

Mattarella ha ricordato a un gruppo di studenti che l’evasione fiscale è «indecente», dal momento che chi non paga le tasse utilizza a sbafo i servizi finanziati da chi le paga. Già il fatto che la dichiarazione presidenziale abbia furoreggiato sui siti e nei tg la dice lunga sulla rilevanza eccezionale rivestita ultimamente dal buonsenso. Che gli evasori se ne infischino di passare per indecenti è logico. Più bizzarra è l’acquiescenza dei tartassati. In un Paese dove ci si scaglia contro qualsiasi privilegio, l’evasore non è circondato da biasimo sociale. Mai vista una folla scendere in piazza brandendo cartelli contro i renitenti al fisco. Ci sono persone a reddito fisso che chiedono pene esemplari per chi ruba in casa, ma non sembrano minimamente toccate dal furto di risorse a scuole e ospedali.
Prima di dedurne che siamo un popolo di debosciati, bisogna riconoscere che le tasse sono troppo alte. Oltre un certo limite vengono vissute come un sopruso anche da chi le paga, spesso solo per l’impossibilità di fare altrimenti. Gli si potrebbe rispondere che sono così alte proprio perché molti non le pagano. Ma il discredito di cui gode lo Stato, alimentato dai comportamenti di amministrazioni pubbliche avide nel pretendere quanto parsimoniose nel restituire, lascia supporre che le tasse non diminuiranno mai in nessun caso. L’evasione è un mostro che si nutre di diffidenza. Se tanti italiani non hanno senso dello Stato è perché lo Stato continua a fare loro senso.

Letto 278 volte

3 commenti

  • Link al commento Mimmo Galluppi Giovedì, 19 Dicembre 2019 13:06 inviato da Mimmo Galluppi

    Caro Nicolino, constato che, anche questa volta, si avvera la frase di
    un filosofo di duemila anni fa: ogni volta che parlo nessuno mi
    ascolta. Uno solo lo ha fatto e ha capito male.
    Sono conscio e ne sono orgoglioso, che l'eclettismo dei miei
    ragionamenti fa giudicare superficialmente chi non riesce ad andare a
    fondo.
    Ciò, che tu ci creda o no, mi fa piacere perché non debbo conquistare
    consenso né tanto meno voti e il mio interesse è solo socio-culturale;
    in ogni espressione del comportamento umano: non ho alcun interesse a
    integrarmi in una corrente di pensiero politico, sociale e
    comportamentale.
    Il bello della vita è che ognuno ragiona con la propria testa, con la
    assoluta convinzione di stare dalla parte della ragione.
    Ho capito questo da tanti anni; ne ho fatto tesoro e interagisco con
    il prossimo in modo spocchioso e arrogante: mi diverte!!!
    Queste visioni così civili, welfare, istruzione, sanità cozzano con la
    mia personale visione della vita.
    Chiaramente sarai convinto delle tue idee perché milioni di individui
    la pensano come te; io cerco sempre di non essere in sintonia con gli
    altri e se mi capita, cambio immediatamente comportamento,
    ragionamenti e...compagnia.

  • Link al commento Nicolino Martedì, 17 Dicembre 2019 09:11 inviato da Nicolino

    Caro Mimmo,
    concordo con te su quanto dici dei nostri politici, non altrettanto quanto giustifichi l’evasione da parte di aziende imprenditori e giù a scendere comuni cittadini, tanto lo fanno anche loro.
    Se tutti evadessimo cosa ne sarebbe del nostro welfare: sanità, istruzione ecc.
    La cosa bizzarra è come scrive Gramellini l’acquiescenza dei tartassati e tu me lo stai confermando.
    In un Paese dove ci si scaglia contro qualsiasi privilegio, l’evasore non è circondato da biasimo sociale.
    Da qualche anno sto mettendo in evidenza su questo sito l’evasione di tributi di diversi nostri concittadini a scapito del nostro comune e quindi anche di noi contribuenti ma su queste mie denunce non ho visto intervenire nessuno, neanche con un commento, sembra quasi che a vergognarsene deve essere colui che queste cose le mette in evidenza.

  • Link al commento Mimmo Galluppi Lunedì, 16 Dicembre 2019 20:56 inviato da Mimmo Galluppi

    Caro Nicolino,
    I politici, amano dare istruzioni agli altri (sanno fare solo quello);
    è facile quando guadagni, da politico e poi da pensionato, somme
    consistenti e non certamente alla portata dei cittadini; insomma è
    facile fare il frocio col culo degli altri.
    I politici incassano somme iperboliche esentasse, godono di benefici
    impensabili, loro e i loro parenti, conviventi, amanti (cure dentali,
    terme e hotel, viaggi - treno, aereo, traghetti - cliniche private e
    altre vergognose facilitazioni alla faccia dell'uguaglianza dei
    cittadini).
    Percepiscono pensioni principesche e ne godono dopo qualche anno in
    parlamento (uno di queste divinità, nel 1947, ha partecipato a una
    sola seduta e poi cadde il governo; da allora lui, gli eredi e gli
    eredi degli eredi, continuano a percepire, mensilmente, quanto un
    lavoratore, un operaio forse riesce a guadagnare in un anno)
    percepiscono somme stratosferiche, mensilmente. In Trentino i
    consiglieri regionali hanno pensato bene, a scanso di problemi, di
    farsi liquidare immediatamente i futuri emolumenti e pensioni, roba da
    uno-due milioni di euro a testa.
    Imprenditori tartassati devono soggiacere al pizzo che lo stato chiede
    loro: preferiscono evadere il più possibile per poter pagare stipendi
    e contributi.
    I politici che obiettivamente fanno solo chiacchiere e non producono,
    incassano milioni di euro e non pagano tasse; ciò non basta alla loro
    bulimia finanziaria, ogni giorno inventano come e dove prendere altri
    soldi mascherati sotto migliaia di voci. Perché l'imprenditore
    dovrebbe pagare per usufruire anche liui dei servizi e i politici
    usufruiscono di benefici principeschi e non pagano tasse? Ripeto, caro
    Nicolino, è bello dire agli altri di fare ciò che personalmente non si
    è disposti a fare. Ma dimenticavo, siamo in Italia e allora ben
    vengano quelli della casta: votammo per la demiocrazia ma il nostro
    cuore batteva e batte per la monarchia. E' così, altrimenti non
    riuscirei a spiegarmi perché alcuni, migliaia, di cittadini sono di
    una razza (a vita!!!!!!!!!!!) che trattiamo come principi.

Lascia un commento

Assicurarsi che i campi con l'asterisco(*)siano riempiti.
E' consentito l'uso di HTML.

Siti amici