Super User

Ciao, sono NIcolino Cese e mi occupo della manutenzione di questo sito.

Presepe 2013

Il presepe di quest'anno ripropone quegli aspetti fondamentali della vita cristiana che si chiamano virtù: fede, speranza e carità. In modo particolare si è voluto evidenziare la seconda perchè in un mondo in cui si percepisce tanta disperazione e senso di angoscia c'è bisogno di speranza: di quella luce giovane e bella che rende forti e capaci di proiettarsi verso il futuro senza paure.


   La fede è rappresentata dall'arcobaleno che ricorda l'alleanza, il rapporto di fiducia che Dio ha voluto stabilire con gli uomini e le donne di tutta la terra. La carità è rappresentata dalle mani da cui parte l'arcobaleno che sono segno di solidarietà e di una esistenza fatta di dono. La speranza è la luce della stella che illumina le tante notti dell'anima e di quelle situazioni in cui a ognuno sembra di essere abbandonati: la giovane luce bambina di cui parla il poeta francese Peguy e che illumina i gesti di fiducia e solidarietà.

    Questi tre aspetti vitali sono unificati nella figura di Gesù bambino: apice della fede, esistenza fatta carità vivente e giovane e calda luce di speranza che rende forti e coraggiosi... pronti ed amare, ad assaporare gioia e a donarla agli altri.

Buon Natale a tutti.

 

 

PORTICO DEL MISTERO DELLA SECONDA VIRTU'

 

La fede non mi stupisce, non è stupefacente
Risplendo talmente nella mia creazione.
Nel sole e nella luna e nelle stelle.
In tutte le mie creature....

La carità va da sé. Per amare il prossimo c'è solo da lasciarsi andare, c'è solo da guardare una simile desolazione. Per non amare il prossimo bisognerebbe farsi violenza, torturarsi, tormentarsi, contrariarsi. Irrigidirsi. Farsi male. Snaturarsi, prendersi a rovescio, mettersi a rovescio. Riprendersi. La carità è tutta naturale, tutta zampillante, tutta semplice, tutta alla buona. E' il primo movimento del cuore. E' il primo movimento che è quello buono. La carità è una madre e una sorella....

Per non amare il prossimo, bambina, bisognerebbbe tapparsi gli occhi e gli orecchi. A tante grida di desolazione...

Ma la speranza, dice Dio, ecco quello che mi stupisce. Me stesso. Questo è stupefacente.

Che quei poveri figli vedano come vanno le cose e che credano che andrà meglio domattina.
Che vedano come vanno le cose oggi e che credano che andrà meglio domattina.
Questo è stupefacente ed è proprio la più grande meraviglia della nostra grazia. E io stesso ne sono stupito.
E bisogna che la mia grazia sia in effetti di una forza incredibile.

E che sgorghi da una fonte e come un fiume inesauribile.
Da quella prima volta che sgorgò e da sempre che sgorga.

Perchè le mie tre virtù, dice Dio.
Le tre virtù mie creature.
Sono esse stesse come le mie altre creature.
Della razza degli uomini.
La fede è una Sposa fedele.
La Carità è una Madre.

La Speranza è una bambina da nulla.
Che è venuta al mondo il giorno di Natale dell'anno scorso.
Che gioca ancora con babbo Gennaio.

Eppure è questa bambina che traverserà i mondi.
Questa bambina da nulla.
Lei sola, portando le altre, che traverserà i mondi compiuti.

Come la stella ha guidato i tre re fin dal fondo dell'Oriente.
Verso la culla di mio figlio.
Così una fiamma tremante.
Lei sola guiderà le Virtù e i Mondi.

Una fiamma bucherà delle tenebre eterne...

La piccola speranza avanza tra le sue due sorelle grandi e non si nota neanche...

E non si fa attenzione, il popolo cristiano non fa attenzione che alle due sorelle grandi.
La prima e l'ultima.

E non vede quasi quella che è in mezzo.
La piccola, quella che va ancora a scuola.
E che cammina. Persa nelle gonne delle sue sorelle.
E crede volentieri che siano le due grandi che tirino la piccola per mano.
In mezzo. Tra loro due.
Per farle fare quella strada accidentata della salvezza.
Ciechi che sono che non vedono invece
Che è lei nel mezzo che si tira dietro le sue sorelle grandi.
E che senza di lei loro non sarebbero nulla.
Se non due donne più anziane.
Due donne di una certa età. Sciupate dalla vita.

E' lei, quella piccina, che trascina tutto.
Perchè la Fede non vede che quello che è.
E lei vede quello che sarà.
La Carità non ama che quello che è.
E lei, lei ama quello che sarà.

Dio ci ha fatto speranza. Ha cominciato. Ha sperato che l'ultimo dei peccatori,
che il più infimo dei peccatori lavoresse almeno un pò alla sua salvezza,
sia pure poco,
poveramente, che se ne sarebbe occupato un pò.
Lui ha sperato in noi, sarà detto che noi non spereremo in lui?
Dio ha posto la sua speranza, la sua povera speranza in ognuno di noi,
nel più infimo dei peccatori.
Sarà detto che noi infimi, che noi peccatori, saremo noi che non porremo la nostra speranza in lui?

Dio ci ha affidato suo figlio, ahimè, ahimè.
Dio ci ha affidato la nostra salvezza, la cura della nostra salvezza.
Ha fatto dipendere da noi e suo Figlio e la nostra salvezza, e anche la sua speranza stessa;
e noi non riporremo la nostra speranza in lui.

Mistero dei misteri, che riguarda i misteri stessi.
Egli ha messo nelle nostre mani, nelle nostre deboli mani,
la sua speranza eterna, nelle nostre mani passeggere.
Nelle nostre mani peccatrici.
E noi, noi peccatori, non metteremo la nostra debole speranza nelle sue mani eterne?

Qual è questa virtù, questo segreto, che cosa occorre dunque che ci sia di così straordinario.
Nella penitenza, perchè questo peccatore, perchè uno valga cento, o insomma novantanove,
(Per contar giusto),
Perchè questo peccatore valga altrettanto,
Perchè questo peccatore, questo solo peccatore che fa penitenza valga altrettanto, rallegri,
susciti tanta gioia nel cielo quanto novantanove giusti che non hanno bisogno di penitenza?
E perchè questa pecorella smarrita dia tanta gioia al pastore, al buon pastore,
che egli lascia nel deserto, in deserto, in un luogo abbandonato, le novantanove che non s'erano smarrite?
In cosa, qual è dunque questo mistero,
In cosa uno può valere novantanove?
Non siamo tutti figli di Dio. Ugualmente allo stesso modo?
In cosa, come, perchè una pecora vale novantanove pecore.

Bambina, bambina, lo sai, di che si tratta. E' giusto?
E' che era perita; e che è stata trovata.

E' che era morta ; e che è rivissuta.
E' che era morta; e che è risuscitata.


Perchè bisogna prendere tutto alla lettera, bambina,
Letteralmente come Gesù era morto ed è risorto di tra i morti, così quella pecora era perduta,
così quella pecora era morta, così quell'anima era morta e dalla sua propria morte è risorta di tra i morti.

Essa ha fatto tremare il cuore stesso di Dio.
Del tremore del timore e del tremore della speranza.
Del tremore stesso della paura.
Del tremore di un'inquietudine mortale.
E in seguito, e così, e anche di ciò che è legato al timore,
alla paura, all'inquietudine con un legame che non si può slegare,
con un legame che non si può sfare,
Temporale, eterno, con un vincolo che non si può sfare
Ha fatto tremare il cuore di Dio
Del tremore stesso della speranza
Ha introdotto nel cuore stesso di Dio le teologale
Speranza.

Perchè tutto gli altri Dio li ama in amore.
Ma quella pecora Gesù l'ha amata anche in speranza.

Bisogna prendere tutto alla lettera, bambina. Dio ha sperato,
Dio ha atteso da Lui.
Dio, che è tutto, ha avuto qualcosa da sperare, da Lui, da quel peccatore.
Da quel nulla. Da noi. E' stato messo, a questo punto, si è messo a questo punto,
in questa condizione da aver da sperare, da attendere da quel miserabile peccatore.

Tale è la forza di vita della speranza, bambina,
La forza di vita, la promessa, la vita, la forza di vita e di promessa che sgorga nel cuore della speranza...

Singolare virtù della speranza, singolare mistero, questa non è una virtù come le altre,
è una virtù contro le altre.
Prende in contropiede tutte le altre, S'addossa per così dire alle altre, a tutte le altre.
Le supera per così dire,  va contro corrente.
Risale la corrente delle altre.
Non è una schiava,questa bambina è irriducibile.
Lei replia per così dire alle sue sorelle; a tutte le virtù, a tutti i misteri.
Quando loro scendono lei sale, (è molto ben fatto,)
Quando tutto scende solo lei risale e così le doppia, le decuplica, le allarga all'infinito.

Spaventosa libertà dell'uomo.
Noi possiamo far fallire tutto.
Noi possiamo essere assenti.
Non esser li il giorno che veniamo chiamati.
Possiamo non rispondere alla chiamata
(Eccetto che nella vallata del Giudizio)
Spaventoso favore.
Possiamo mancare a Dio.
Ecco il caso in cui s'è messo,
Il bruto caso.
S'è messo nel caso di aver bisogno di noi.
Che imprudenza. Che fiducia.

Ben posta, mal posta, questo dipende da noi.
Che speranza, che testardagine, che partito preso, che forza incurabile di speranza.
In noi.
Che spoliazione, di sè, del suo potere.
Che imprudenza.
Che mancanza di previsione, di previdenza.
Di provvidenza di Dio.
Noi possiamo far difetto.
Noi possiamo venir meno.
Noi possiamo non esserci.
Spaventoso favore, spaventosa grazia.
Colui che tutto si rivolge a colui che non può far nulla.
Colui che fa tutto ha bisogno di colui che non fa nulla.
E come noi suoniamo a distesa la nostra Pasqua.
A gran distesa, nelle nostre povere , nelle nostre trionfanti chiese,
nel sole e il bel tempo del giorno di Pasqua, così Dio per ogni anima che si salva
suona a gran distesa una Pasqua eterna.
E dice: Ah, non m'ero sbagliato.
Avevo ragione d'aver fiducia in quel ragazzo.
Era una buona natura. Era di buona razza.
Figlio di una buona madre, Era un francese.
Ho avuto ragione di dargli fiducia.

Ugualmente i bambini. Quando andate a fare una spesa con i vostri bambini una commissione
O quando andate alla messa o ai vespri con i vostri bambini
O alla benedizione
O tra la messa e i vespri quando andate a passeggio con i vostri bambini

Loro vi trottano davanti come cagnolini. Vanno avanti, tornano indietro.
Vanno, vengono, Si divertono. Saltano, Fanno venti volte il tragitto.
E' perchè in effetti non vanno da nessuna parte.
A loro non interessa andare da qualcheo parte.
Non vanno da nessuna parte .
Sono le persone grandi che vanno da qualche parte
Le persone grandi, la Fede, La Carità.
Sono i genitori che vanno da qualche parte.
Alla messa, ai vespri, alla benedizione.
Al fiume, nella foresta, Ai campi, nel bosco, al lavoro.
Che si sforzano, che si agitano per andare da qualche parte
O anche che vanno a passeggio da qualche parte.
Ma i bambini quello che li interessa è solo fare la strada.
Andare e venire e saltare. Consumare la strada con le loro gambe.
Non averne mai abbastanza, E sentir crescere le loro gambe.
Loro bevono la via. Hanno sete della via.
Non ne hanno mai abbastanza. Sono più forti della via. Sono più forti della fatica.
Non ne hanno mai abbastanza (Così è la speranza).
Corrono più in fretta della via.
Loro non vanno non corrono per arrivare. Loro arrivano per correre.
Arrivano per andare. Così è la speranza.
Non risparmiano i passi. Non ne verrebbe loro neanche l'idea.
Di risparmiare alcunchè.
Sono le persone grandi che risparmiano.
Ahimè sono ben obbligate. Ma la bambina Speranza
Non risparmia mai nulla.

                                                                           Charles Peguy


Pilo

Un Feudo confinante con quello di Roio che oggi non esiste più

 PILO

Castello medievale sito tra le attuali loc. Pilo di Rosello e C.le S. Matteo e Lago di Pilo di Borrello. Attestato per la prima volta nel Catalogus Baronum. Ancora numerato nella prima tassazione aragonese del 1443-7 è in seguito disabitato. Nel 1559 è suddiviso in tre porzioni, due delle quali seguono le vicende feudali di Villa S. Maria, la terza di Borrello. Su una delle porzioni di Villa sorge nel XVI sec. la nuova villa di Giuliopoli.

  • -1156: al Molise.
  • 1156-1468: Castello, Università di Pilo.
    • Comestabulia/Giustizierato di Manoppello (-1231), Giustizierato/Provincia di Abruzzo (1231-1272), Abruzzo Citra (1272-). Diocesi di Trivento.
  • 1468-1559: Feudo di Pilo.1559-1807: Suddiviso in tre parti, Pilo-S. Martino, e Pilo-Feudo di Cocco associate a Borrello, Pilo Sottano e Giuliopoli associate a Villa S. Maria.
    • Feudo di Caldora, Carafa, De Segura (-1559).
  • 1807-oggi: Diviso tra Rosello, Borrello e Villa S. Maria.

GIULIOPOLI

L'attuale centro con questo nome. Nasce come villa seicentesca (fondato nel 1641) su una delle due porzioni del feudo di Pilo dei Caracciolo di Villa. Numerato dal 1648. Redige l'Onciario nel 1742.

  • -1648: Loc. nel Feudo di Pilo.
  • 1648-1807: Università di Giuliopoli.1807-1811: Aggr. al Governo di Villa S. Maria.
    • Provincia di Chieti. Feudo di Caracciolo-Villa (1637-1806). Diocesi di Trivento.
  • 1811-oggi: Riun./fraz. di Rosello.

ROIO (DEL SANGRO)

L'attuale centro con questo nome. Apparentemente non citato nel Catalogus Baronum, ma menzionato già nell'a. 1017 con un suo territorio. Propongo dunque di identificarlo con il "Rigum Stiriae" in Terra Burrellensis del Catalogus, altrimenti non spiegato. Rigum andrebbe letto Rogium. Già in epoca angioina Roio possiede il casale di Roitello, nell'attuale loc. con questo nome, forse resto di un precedente insediamento, oltre all'altro casale di Acquaviva. Redige l'Onciario nel 1743.

  • -1156: al Molise.
  • 1156-1807: Castello, Università di Roio.1807-1811: Aggr. al Governo di Villa S. Maria.
    • Comestabulia/Giustizierato di Manoppello (-1231), Giustizierato/Provincia di Abruzzo (1231-1272), Abruzzo Citra (1272-). Feudo di Pignatelli, de Blasis (-16xx), Caracciolo-Villa (16xx-1806). Diocesi di Trivento.
    • Nel XII sec. incorpora (parte di) Casteltasso.
  • 1811-oggi: Comune di Roio (1811-1863), Roio del Sangro (1863-oggi).
    • Provincia di Chieti, Distretto/Circondario (1811-1927) di Lanciano, Circondario/Mandamento (1811-1927) di Villa S. Maria.

ACQUAVIVA S. MARIA

Casale di Monteferrante situato in loc. F.te Acquaviva e Casali. Nel 1279 (donazione a Guglielmo di Alamagnone) è considerato casale di Roio insieme a Roitello. Tassato separatamente in epoca angioina sotto il nome di Acquaviva S. Marie, perché la locale chiesa di S. Giovanni è possesso di S. Maria in Basilica, come si evince dalle Rationes Decimarum.

  • -XIII sec.: Villa di Roio.
  • XIII-XIV sec.: Università di Acquaviva S. Maria.
  • XIV sec.-oggi: Loc. di Monteferrante.

CASTELTASSO

Castello medievale citato nel Catalogus Baronum e sopravvissuto come toponimo nel titolo della chiesa di S. Maria di Tasso. Probabilmente sito dove si trovano le loc. Tasciuolo, M.te la Rocca, M. Castellano (Roio) e C.le Tasso (Rosello). Chiesa e castello non sono attestati prima del XII sec. Disabitato prematuramente, deve essere spartito tra Rosello e Roio.

  • -1156: al Molise.
  • 1156-XIII sec.: Castello, Università di Castel Tasso.XIII sec.-oggi: Loc. di Rosello e Roio.
    • Comestabulia/Giustizierato di Manoppello (-1231), Giustizierato/Provincia di Abruzzo (1231-).

Dopo l'iniziativa lanciata su questo sito per acquistare nuovi giochi per i bambini al campo sportivo del Paese, siamo qui a fare un resoconto e rendere tutti partecipi dei risultati ottenuti.

Il totale raccolto è stato di  €. 1.375,00 .

Innanzitutto volevamo ringraziare il Comune di Roio del Sangro e il sindaco Nino Ramondelli per aver subito sposato il progetto che gli è stato proposto e per essersi impegnato realmente e rapidamente per regalare ai bambini roiesi dei giochi nuovi, sicuri e a norma di legge.

Volevamo anche ringraziare tutte le persone che hanno partecipato economicamente a questo progetto.

Una Storia Incredibile che vale la pena raccontare.

Un primato che il nostro paese ha e che dovrà essere riconosciuto da tutti “ IL PAESE DEI CUOCHI “


 

Una iniziativa del nostro comune per ridare lustro a tutti i nostri compaesani che hanno intrapreso negli anni il mestiere del cuoco.

Lo scopo è quello di scrivere un libro che certifichi come la nostra cucina abbia inciso in modo significativo a diffondere nel mondo il gusto del mangiare Italiano.

Nei prospetti allegati che potrete stampare vengono illustrate le iniziative e proposto un questionario da compilare e ritornare :

Cena estiva al mulino di Roio.

Filippo alla soglia dei suoi quasi novanta, coltiva la sua passione di agricoltore.                                                                               

Alcune foto della corsa campestre svoltasi a Roio nel 2011.

Sono arrivato a Roio questa mattina 29 marzo 2013 alle 10.30; tante macchine occupavano la piazza e c'erano tutti i segnali non dico di una ripresa del'economia, ma almeno una ripresa del bel tempo che era mite e gradevole, anche se un po' coperto. Dopo

Questo sito, con il patrocinio del comune di Roio del Sangro si fà promotore di una raccolta fondi chiamata "Un nuovo parco giochi per Roio" finalizzata alla manutenzione delle attuali aree ed attrezzature giochi esistenti nel nostro paese nonchè dell'acquisto di nuove strutture.