Super User

Ciao, sono NIcolino Cese e mi occupo della manutenzione di questo sito.

Attività di una volta

Un elenco di attività ed esercizi commerciali esistiti a Roio negli anni.

ATTIVITA'LUOGO/ESERCENTE
AlimentariMarzian
AlimentariRocco di Giorg
AlimentariErnani
AlimentariRomolo
BarbiereSilvio - Casa vicino ad Anniccia
Beccheria
BenzinaioRocco di Giorg
CalzolaioCasa di Onorino
CalzolaioMIccaiell
CalzolaioCasa di Finizia
Dopolavoro/Rivendita di vinoAssunta Naclet
FabbroBarbunett
FabbroScarci (Vicino alla chiesa di S. Maria Maggiore
FalegnamePataniell
FalegnameMing C'rvein
FalegnameRomolo
MacelleriaMIdio
MacelleriaPerella
MacelleriaColafrsceut
MacelleriaPidocchio
MacelleriaPagliet
MacelleriaRetro casa di Amedeo
RamaioErnani
Rivendita di vinoArturo
Rivendita di vinoPasqualino (dove c'è il parcheggio)
SartoCasa di Leo Mastroluco
SartoAlfredo (casa della figlia di Elvio/ di fronte Flaminio)
ScuolaDi fronte casa di Amedeo
ScuolaDestra Chiesa di S. Nicola
ScuolaPiazza (attuale comune)
AsiloCasa alle Papardelle
TinaroRetro casa di Amedeo

Sei a conoscenza di altre attività?

Segnalacele tramite un file utilizzando il campo quì sotto.

Carica File

Riflessioni

Succedono molte cose in questi giorni che ci spingono ad una riflessione che proponiamo anche a chi ci legge.

BOOMMMMM che non vedranno.
In Gran Bretagna dopo un referendum proposto due anni fa con una campagna elettorale un po’ ambigua dove non tutti ne hanno compreso il significato e l’entità, molti hanno votato immaginandolo come un blocco alla immigrazione incontrollata che anche da loro è molto sentito altri immaginandolo l’inizio di un’autosufficienza economica che resterà purtroppo per loro un miraggio. Si accorgono oggi che le cose sono un po’ più complicate e sembrano rimettere tutto in discussione.
BOOMMMMM che non vedremo.
In Italia la situazione non è molto diversa, i nostri populismi cercano di convincerci che, a chiacchiere, tutto sia possibile salvo doverci accorgere tra non molto ed a nostre spese che purtroppo le cose non stanno come ce le stanno rappresentando.
BOOMMMMM che non ci sarà.
Nelle nostre istituzioni regionali, provinciali, locali dove le clientele governano incontrastate, sperperando denaro pubblico. Alle elezioni regionali che si sono svolte in Abruzzo il 10 febbraio sono state presentate:

  • 1 lista per il PARTITO CASAPOUND con 28 candidati
  • 8 liste per il PARTITO DEMOCRATICO con 224 candidati
  • 6 liste per il CESTRODESTRA con 168 candidati
  • 1 lista per il MOVIMENTO CINQUE STELLE con 28 candidati

Più di 450 personaggi che in qualche modo dovranno essere accontentati per raggranellare qualche voto mentre il nostro debito pubblico e arrivato a 2.340 miliardi.
BOOMMMMM che vorremmo ci fosse.
Delle nostre idee e della nostra indipendenza di giudizio che non riusciamo ad esprimere come potremmo e dovremmo perché “Tanto non cambia mai nulla “. Informarci ed essere attenti a ciò che avviene intorno a noi per poi esprimere la nostra opinione e far sentire la nostra voce; non ci si può lamentare di essere perennemente tartassati, ignorati, perseguitati e non denunciare gli sperperi di danaro pubblico che avvengono intorno a noi, i favoritismi verso gli uni ed i soprusi verso gli altri.
La rappresentanza andrebbe data a persone degne di fiducia dopo averne attentamente valutate le qualità professionali e morali ma soprattutto a chi queste persone le propone; molti personaggi di solito si nascondono dietro la loro stessa ombra e mandano allo sbaraglio altri che rischieranno in proprio. Questi soggetti se così li vogliamo chiamare (io li definirei mafiosi) sono molto presenti nella nostra società quando si tratta di portare avanti i propri interessi, non altrettanto quando si tratta di fare quelli della collettività, girano solitari, si atteggiano a padroni del mondo per soddisfare la propria vanità, la loro sete di potere e di denaro che li pervade, passano sopra tutto e tutti senza un briciolo di dignità e di pudore, uno schifo insomma. Dovremmo imparare a valutare ed a far PESARE il nostro voto, non a regalarlo in modo incondizionato ad altri per un piatto di lenticchie che ci andrà poi di traverso.

Nei giorni scorsi si è tenuta a Castel del Giudice la presentazione di "SIBaTer" di ANCI per recuperare terreni in disuso e creare nuove opportunità di lavoro per i giovani.
SIBaTer – Supporto Istituzionale alla Banca delle Terre, che il Governo ha affidato ad ANCI per supportare i comuni del Mezzogiorno nell’intraprendere nuove iniziative imprenditoriali. Se ne è parlato in un incontro pubblico il 6 maggio alle 14.30 nella sala convegni di Borgotufi albergo diffuso di Castel del Giudice nato dal riutilizzo di case in disuso, uno dei progetti di rigenerazione territoriale del comune altomolisano, noto per aver messo in atto buone pratiche per invertire la rotta dello spopolamento, come il recupero di terre lasciate incolte ed ora luogo in cui nascono le mele biologiche Melise. La misura della Banca delle Terre che è stata illustrata il 6 maggio, prevede che i Comuni delle Regioni Molise, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia pubblichino avvisi per assegnazione in gestione dei beni del proprio patrimonio immobiliare e di terre che risultino in stato di abbandono da lungo tempo, dopo averne effettuato il censimento. La concessione dei beni avviene sulla base di progetti di valorizzazione presentati da giovani di età dai 18 ai 40 anni, rispondendo a tali avvisi pubblici. In questo modo, i comuni valorizzano il proprio patrimonio di terre ed immobili e incentivano l’imprenditoria giovanile sul territorio. Al termine vi è stato un confronto tra sindaci, amministratori e partner socio-economici. Il Progetto SIBaTer, della durata di tre anni, è gestito dall’Area Politiche di coesione e Mezzogiorno dell’ANCI e servizi di assistenza e supporto prestati da ANCI agli enti sono totalmente gratuiti. Visto lo stato di abbandono del nostro territorio e l'inesorabile spopolamento ci chiediamo: - Questo bando è stato pubblicato dal nostro comune? - I nostri amministratori hanno preso in esame questo progetto? - Qualcuno ha partecipato all'incontro? - Non è il caso di promuovere incontri pubblici per confrontarsi su queste tematiche magari durante i mesi estivi quando maggiori sono le presenze dei nostri compaesani? - Se non se ne preoccupano i nostri amministratori non è il caso che ne discutano i nostri giovani magari in ambito Proloco? Crediamo che iniziative di questo genere dovrebbero essere prese in seria considerazione perchè la maggior parte dei terreni dell'agro comunale siano essi pubblici che privati ad oggi versano in stato di abbandono o servono a qualcuno per incassare, non sempre in modo lecito, contributi AGEA. Non parliamo poi degli immobili sui quali non passa giorno per vedere comparire un cartello di VENDESI.

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO SIBATER

Un articolo sui cuochi di Roio apparso sul n° 1 Gennaio-Marzo 2015 della Rivista Abruzzese scritto da Nicolino Cese.

Un articolo su Giovanni Spaventa, decano dei cuochi abruzzesi.

Articolo apparso sul n. 304 marzo/aprile 2012 de IL CUOCO. Il soggetto è Carlo Alberto Sammarone di Giuliopoli capo cuoco nella cucina ufficiali dell'Amerigo Vespucci, dal 1946 sino al giorno che andò in pensione. Il 17 febbraio 2012 ha compiuto 100 anni e vive a Giuliopoli.

Le Nostre Musiche

Di seguito troverete delle registrazioni fatte a Roio negli anni

0-Musica in piazza

1-Musica in piazza

2-Musica in piazza

3-Musica in piazza

4-Musica in piazza

5-Musica in piazza

6-Musica in piazza

7-Musica in piazza

8-Musica in piazza

9-Musica in piazza

10-Musica in piazza

11-Musica in piazza

12-Musica in piazza

13-Musica in piazza

14-Musica in piazza

15-Musica in piazza

16-Musica in piazza

17-Musica in piazza

18-Musica in piazza

19-Musica in piazza

20-Musica in piazza

21-Musica in piazza

22-Musica in piazza

23-Musica in piazza

Ti sono piaciute?

Inviaci le tue

Carica File

Vendemmia 2018

Alcune foto della vigna di Amedeo prima della raccolta

Fino al 2016 la vigna era predisposta a pergolato ed i lavori per la conduzione erano numerosi ed alquanto scomodi: sia la potatura che la raccolta comportavano un impegno non indifferente poichè bisognava operare al di sotto della struttura .

Dal 2017 il vigneto è stato trasformato ed ora la coltura risulta a filari e la potatura viene fatta con il metodo a "Cordone speronato". Questo ha comportato un notevole risparmio di tempo sia per quanto riguarda la potatura che i  trattamenti e la raccolta.

Dopo la raccolta l'uva viene portata in una piccola casetta situata nella parte alta del terreno dove viene pigiata. L'uva bianca viene messa subito in damigiana mentre quella rossa dentro dei tini dove resterà a macerare per c.a. una settimana. Successivamente, le damigiane, verranno trasferite in cantina a Roio dove resteranno tutto l'inverno prima di procedere ai travasi ed all'imbottigliamento in primavera.  

Siti Amici

Alcuni Link di siti amici

I Templari

I Sanniti

Villa Santa Maria

Borrello

Rosello

Abruzzo 2000

Caro Abruzzo

Roio dell'Aquila

E' uscito alle stampe il saggio sui Templari del nostro compaesano Prof. Alessio Coletta. Dopo un accenno sulla storia di questi cavalieri, dallanascita alla condanna, l'autore affronta il tema della loro presenza in Abruzzo ipotizzando anche una loro possibile presenza nel territorio del nostro paese. Hanno collaborato alla stesura del libro, con studi introduttivi, Settimio Luciano (il nostro parroco) e Claudio Palumbo, docente dell'Iistituto di teologia di Chieti.

Questioni sul medioevo e riflessioni sui templari (Con studi introduttivi di Settimio Luciano e Claudio Palumbo)

Il libro è in vendita da Don Settimio al prezzo di 20 €. e la spedizione può essere fatta a domicilio senza alcun aumento del prezzo di copertina. Chi fosse interessato può inviare un vaglia PT alla Parrocchia di Roio del Sangro, oppure un assegno (di c/c o circolare) non trasferibile, intestato sempre alla Parrocchia di Roio del Sangro. Gli utili vanno integralmente alla Parrocchia di Roio